fbpx

Save the date: il 16 marzo a Palermo l’Arduino Day 2019

Torna a Blog
Arduino Day Palermo 2019

Che cosa è Arduino?

Il più grande merito di Arduino è stato quello di far crescere una nuova generazione di makers, appassionati, hobbisti, studenti, programmatori: tutti a divertirsi e a creare progetti, spendibili nel mondo del business, ma anche in campo scientifico e artistico. Arduino ha presto entusiasmato anche i grandi colossi IT come Microsoft e Intel, che dal 2013 ha creato schede come Galileo ed Edison, compatibili con la piattaforma italiana.

Da dove nasce Arduino? Già nel nome, così simpatico e immediato, è insito il suo scopo: quello di facilitare la vita delle persone e permettergli di dare libero sfogo alla propria creatività. Pare che tutto sia partito dal bar di Ivrea (al numero 45 dell’omonima via), che i suoi ideatori (M. Banzi, D. Cuartiellas, T. Igoe, G. Martino, D. Mellis) erano soliti frequentare e che poi nel 2005 sia stato interamente sviluppato all’interno dei laboratori dell’Interaction Design Institute.

Come funziona?

Ma cosa rende Arduino così speciale? Arduino è una scheda elettronica open source programmabile a cui è possibile collegare sensori e attuatori. Si tratta di un microcontrollore (il cuore di qualsiasi dispositivo elettrico), che può a differenza dei tradizionali microcontrollori essere programmato a rispondere in un certo modo al verificarsi di determinate condizioni o in risposta a determinati stimoli (es. pressione di un tasto).

In buona sostanza si insegna ad Arduino come comportarsi di fronte a determinati valori di certe grandezze, misurate tramite i sensori. Se per esempio la temperatura scende al di sotto dei 18°, Arduino sarà programmato per attivare immediatamente i riscaldamenti.

Per capirci meglio i sensori permettono di percepire e misurare determinate grandezze dall’ambiente circostante (per es. la temperatura, la pressione, l’intensità della luce, le onde sonore), mentre gli attuatori sono i dispositivi, che permettono di interagire con l’ambiente stesso (per es. l’interruttore, il motore di una tapparella, il sistema di irrigazione).

Il comportamento di Arduino non è mai fisso, ma può essere programmato per compiere azioni diversissime tra loro e proprio per queste sue peculiarità è indicato per la costruzione di prototipi e per realizzare progetti interattivi in ambito IoT (Internet of Things). Inoltre, Arduino possiede un’architettura open source, cioè condivisa e modificabile da chiunque lo desideri.

Una particolare versione, facile da programmare, Arduino YUN, consente, infine, di combinare la potenza di Linux con l’estrema semplicità di Arduino.

L’evento

Il 16 marzo in tutto il mondo si celebra l’Arduino Day con oltre 566 eventi in 100 nazioni diverse. Anche Palermo ha deciso di dedicare una giornata all’evento Arduino Day Palermo 2019 negli spazi di coworking dello Scalo 5B, all’interno della Fiera del Mediterraneo, dalle 9.00 alle 14.00. In programma 15 interventi di 15 minuti ciascuno incentrati sui temi della robotica, dell’elettronica open source arduino e dell’IoT, con la partecipazione di importanti aziende come St Microelectronics e Prismyan.  

Il futuro è dietro l’angolo, non ci resta che immaginarlo e costruirlo insieme.

Condividi questo post

Torna a Blog